IL SANTUARIO

LA CHIESA
IL CHIOSTRO 
IL MUSEO
IL PRESEPE
DOVE SIAMO
CONTATTO
NEWS

HOME

SAN GIACOMO


LA VITA
I luoghi in cui ha predicato
 

il corpo incorrotto

 

S.Giacomo.nell'arte

I Miracoli

Biblioteca di S.G.

SAN GIACOMO

la vita
i luoghi in cui ha predicato
il corpo incorrotto
speciale protettore dei bambini
 

INFORMAZIONI

orari
manifestazioni
pubblicazioni
numeri utili

Incontri di Spiritualita Francescana

Per ritrovare il Messaggio di
San Francesco nella
Terra dei Fioretti
>>

La Rivista
Voce del Santuario

Le Realtà
del Santuario

Le Corali
 
LA BIBLIOTECA DI SAN GIACOMO

La Libreria del Convento di Santa Maria delle Grazie

San Giacomo istituì nel Convento di Santa Maria delle Grazie di Monteprandone una ricca ‘libreria’ , o raccolta di libri per l’istruzione dei religiosi del suo stesso paese, dei confratelli delle Marche e di quanti avessero sentito, come lui, lo stimolo per gli studi. I Codici, ora esposti presso il Museo di Monteprandone, contengono: Sermoni, Collazioni, Compendi, Cronache, Decretali, Decreti, Dialoghi, Dominicali, Dissertazioni, Epistole, Glossari, Laudi, Letture, Monografie, Quadrigesimali, ecc.. Non mancano opere ed autori di storia romana, autori di letteratura classica, opere di letteratura italiana, opere di letteratura cristiana. Su alcuni codici si legge ancora la dichiarazione con cui San Giacomo rendeva nota la persona che glieli aveva regalati o venduti, il costo ed il luogo di destinazione, cioè il Convento di Santa Maria delle Grazie di Monteprandone

San Giacomo era molto attaccato ai suoi libri e nutrendo dubbi circa la loro conservazione, scrisse a Papa Pio II, affinché autorizzasse frate Domenico da Leonessa, Francesco da Casteldemilio e Onorio da Ancona alla conservazione della sua Libreria presso il Convento di Monteprandone. il Papa alla richiesta del Santo rispose il 4 dicembre 1462, con una Bolla, in cui dettò norme precise per la custodia della Biblioteca definita tra le più importanti per il numero e la qualità di opere e minacciò di scomunica chi le avesse sottratte.

Dopo la morte del Santo la Biblioteca continuò ad arricchirsi di nuovi libri fino a raggiungere il numero di 700 - 800 volumi. Ben presto seguì il tempo dell’abbandono e non valse nè la Bolla di Pio Il, né la scomunica a preservare la Libreria dalla dispersione, dovuta all’incuria dei frati e alla poca sollecitudine dei volumi dati in prestito. Nella seconda metà del XVIII secolo, furono trafugati dalla Libreria la maggior parte dei codici. Per lungo tempo nessuno si occupò più della sparizione dei codici; solo molti anni dopo, nel  1784, se ne riparlò in una adunanza del Consiglio Comunale di Monteprandone, con il proposito di richiederli al Consiglio Generale dell’Ordine, ma senza successo. Non tutti i codici per fortuna, furono trafugati. Quelli rimasti, come apprendiamo da un documento del 21 luglio 1776 , erano custoditi, insieme alle reliquie di San Giacomo e di San Giovanni da Capestrano, nella Chiesa di Santa Maria delle Grazie (Cappella dedicata al Santo) , chiusi in una cassa, a sua volta racchiusa in una credenza a muro, ‘... guardata da due chiavi, una delle quali era in possesso del padre guardiano, l’altra del magistrato pro tempore di Monteprandone’

Ma la travagliata storia dei Libri di San Giacomo non finisce qui. Nel 1841 i codici superstiti, fra le proteste dei frati, della popolazione, delle autorità locali e del padre provinciale, ‘in forza d’ordine superiore’ (cioè della Segreteria di Stato del Vaticano) , furono mandate a Roma. L’ostinatezza dei Monteprandonesi nel reclamarli, indusse Papa Gregorio ad ordinarne la restituzione. Il 3 gennaio 1843, 60 volumi ed una lettera di San Giacomo a San Giovanni da Capestrano, incollata su una tavoletta, furono da padre Giovanni da Rapagnano, riconsegnati al padre provinciale Domenico da Recanati e alla Magistratura di Monteprandone. Dopo la soppressione degli Ordini Religiosi, il Convento e la Chiesa di Santa Maria delle Grazie, oltre ai 61 codici della Libreria di San Giacomo, divennero proprietà del Comune di Monteprandone.

Il Museo civico di Monteprandone accoglie 61 codici di quelli appartenuti a S.Giacomo più la sua lettera a S.Giovanni da Capestrano datata Roma 14 dicembre 1455

Elenco dei codici conservati nel museo civico di Monteprandone 

 (La numerazione e l'elenco sono presi da: Saturnino Loggi, I Codici della Libreria di S. Giacomo della Marca nel Museo Civico di Monteprandone, Acuaviva Picena, 2000)

M 1     Liber de exemplis sacre scripture compositus a fratre Nicolao de Hanabis ordinis    predicatorum.
M 2     Altro esemplare del medesimo libro n. 1 con postille (manca).
M 3     Sermones fratris Iacobi de Marchia ordinis minorum (manca).
M 4     Repertorium per alphabetum super decretales.
M 5     Vita B. Francisci di S. Bonaventura. Legenda Amici etAmelii. Quidam tractatus de examinatione pec­catorum.
M 6     Liber Iohannis presbiteri Damasceni.
M 7     Compendium sacre theologie veritatis.
M 8     Epistole Senece ad Lucillum (precedute da quelle tra S. Paolo e Seneca).
M 9 Transitus Jeronimi et dyalogus Gregorii.
M 10 De consolatione, de fortuna, de summo bono, de providentia, de libertate arbitrii di Boezio.
M 11 De christiana religione per totam quadragesimam fratris Bernardini de Senis.
M 12 Formularium rituale beneditionum et coniurationum ad usum B. Iacobi.
M 13 Lectura Varonis, magistri Scoti de Anglia, super toto libro sententiarum.
M 14 Officium Ciceronis: De officiis e Paradoxa.
M 15 Eustacii metropolitani... in primo Aristotelis moralium ad Nichomacum.
M 16 Breviloquium D. Bonaventure.
M 17 Concordantie Biblie.
M 18 Conclusiones super decretales e Margarita.
M 19 Summa de vitiis et vi rtuti bus de penis et premiis fratris Iohannis Wallensis ordinis fratrum minorum.
M 20 Liber moralium S. Gregorii.
M 21 Doctrinale cum glosis.
M 22 Tractatus moralium in septem vitiis capitali bus editus a fratre Guilielmo de ordine fratrum predicatorum.
M 23 Quatuor evangeliorum concordantia.
M 24 Valerii Maximi de memorabilibus factis aut dictis Romane Urbis exterarumque ad Tiberium Cesarem.
M 25 Commentum super Matheum et sermones et concordantie S. Ieronimi quatuor evangeliorum.
M 26 Questiones Iohannis de Ganduno super octo libris phisicorum Aristotelis.
M 27 Miscellanea:
-  Loyca magistri Pauli de Venetiis ordinis heremitarum S. Augustini;
- Consequentie magistri Iohannis Bellincani vel Belvigani;
- De predicamentis magistri Nicolay de Arimino ordinis minorum;
- Summula tractatuum magistri Petri Yspani;
- Fallatie sancti Thome de Aquino;
- Modales sancti Thome de Aquino;
- Fallatie abreviate secundum magistrum Raymundum de Stella;
- Liber de viris illustribus.
M 28 Trattato teologico.
M 29 Historiarum adversos paganos libri septem Pauli Orosi,.
M 30 Legende sanctorum e Ordo peregrinationum in Jherusalem.
M 31 Summa Pisanella vel magistrucia.
M 32 Mare magnum sanctorum fr Antonii Marie de Monte Brandone (manca).
M 33 Summa fratris Monaldi ordinis minorum.
M 34 De conformitate vite beati Francisci... editum a fratre Bartolomeo de Pisis.
M 35 Sermones sancti Augustini ad Heremitas.
M 36 Tractatus domini Iacobi de bona ventura.
M 37 Meditazioni su Gesù Cristo.
M 38 Sermones dominicales S. Iacobi.
M 38 bis Sermones S. Iacobi.
M 38 ter Sermones S. Iacobi.
M 39 Logica F.  Pauli de Pergula.
M 40 Sermones B. Iacobi Piceni.
M 41 Miscellanea:
- Sermones Francisci Mayronis, Questiones in decreto, De consacratione, De hereticis, Innocentius,  Extracta ex libro 6 et Clementinis.
M 42 Sermones B. Iacobi (autografo).
M 43 Sermones per totum annum.
M 44 Sermones quamplurimi patris Iacobi de Marchia e sermoni di altri predicatori.
M 45 Miscellanea:
- Confessionale vel summa confessionis, De ornatu mulierum, Contractus de societate, Campus florum di S. Giacomo, Regula iuri e summa magistri Iohannis de Sansonia.
M 46 Sermones predicabiles beati Iacobi (autografo)
M 46 bis Sermones predicabiles beati Iacobi (autografo).
M 47 Breviarium fratrum minorum secundum consuetudinem Romane Curie.
M 48 Officium Crucifixi con calendario
M 49 Diurnum ad usum fratris Iacobi de Marchia.
M 50 Officium defunctorum
M 51 Hore diurne ad usum fratrum minorum.
M 52 Officium Depare.
M 53 Breviarum con calendario.
M 54 Miscellanea:
- De compositione di Gasparino Barzizza;
-Brevi notizie intorno ai re, senato, consoli, etc. di Roma antica;
- Descrizione topografica di Roma
- De regno di Isocrate;
- Oratio Leonardi Iustiniani in funere Caroli Zeni Patricii Veneti;
- Liber Aristotelis de moribus et summo bono traductus per dominum Leonardum Aretinum;
- Exempla 67 di brevi esordi di orazioni;
-Ars gramatica di Donato;
- Commento alla Rettorica di Cicerone di Gasparino Barzizza;
-Precepta invitandi et Exercitatio;
- Genera causarum;
-De exortationibus rhethorice;
- Vocabolario di sinonimi;
- De bello Catilinario di Sallustio.
M 55 De civitate Dei di S. Agostino.
M 56 Vocabolum et glosse lingue latine (manca).
M57-58-59 (unico volume): Dialoghi di S. Gregorio - Speculum Crucis - Pungilingua.
M 60 Varia et diversa et sermones predicabiles beati Iacobi (autografo).
M 61 Tabula Augustini de civitate Dei (manca).
M 62 Extracta quarti libri Scoti.
M O Un commento della Sacra Scrittura.
M 00 Miscellanea:
- 8 libri phisicorum;
- De celo et mundo;
- De generatione et corruptione;
- Meteora di Aristotele.
M 000 Doctrinale cum commento. Opus Alexandri grammatici pro conditione puerorum. Lettera autografa di S. Giacomo a S. Giovanni da Capestrano.

torna al menu
GALLERIA FOTOGRAFICA
Un libro autografo e codici della libreria di S.Giacomo. 
Monteprandone,Palazzo comunale

MUSEO DEI CODICI di San Giacomo della Marca
palazzo comunale Monteprandone

 I MANOSCRITTI di San Giacomo
                                                                    clicca sull'immagine per ingrandirla

clicca per l'ingrandimento

clicca per l'ingrandimento

clicca per l'ingrandimento

DECRETALES
(COD.M4)

SAN BONAVENTURA,
VITA BEATI FRANCISCI
(COD. M5) 

SAN GIOVANNI DAMASCENO
DE FIDE ORTHODOXA
(COD. M6)

clicca per l'ingrandimento

clicca per l'ingrandimento

clicca per l'ingrandimento

TRANSITUS IERONIMI
SAN GREGORIO MAGNO
DIALOGUS 
(COD. M9)

DOCTRINALE CUM GLOSSIS
(COD. M21)

SANT'AGOSTINO
DE CIVITATE DEI
(COD.M55)

    















Vittore Crivelli,S.Giacomo della Marca

Urbino,galleria nazionale delle Marche.


L'amore di S.Giacomo per la cultura è evidenziato dal pittore con due volumi nello scaffale inferiore e un volume aperto nello scaffale superiore e dal libro che il santo tiene in mano.