SANTUARIO SAN GIACOMO DELLA MARCA,SANTUARIO MADONNA DELLE GRAZIE,meta di pellegrinaggi mariani,devozione alla MADONNA DELLE GRAZIE,devozione a SAN GIACOMO DELLA MARCA  


   
Centro Giovanile Francescano Terra dei Fioretti LORETO

IL SANTUARIO

LA CHIESA
IL CHIOSTRO
IL MUSEO
IL PRESEPE
DOVE SIAMO
CONTATTO
NEWS

HOME

SAN GIACOMO


LA VITA
I luoghi in cui ha predicato
 

il corpo incorrotto

 

S.Giacomo.nell'arte

I Miracoli

Biblioteca di S.G.

SAN GIACOMO

la vita
i luoghi in cui ha predicato
il corpo incorrotto
speciale protettore dei bambini

*La Novena*
di S.Giacomo della Marca

*Le Preghiere*

INFORMAZIONI

orari
manifestazioni
pubblicazioni
numeri utili

Incontri di Spiritualita Francescana

Per ritrovare il Messaggio di
San Francesco nella
Terra dei Fioretti
>>

La Rivista
Voce del Santuario

Le Realtà
del Santuario

Le Corali
 

FESTA DEL PATRONO
SAN GIACOMO DELLA MARCA 
28 NOVEMBRE 2014

Scaricati il programma in f.to PDF

Il primo conventino fu voluto da San Giacomo della Marca, che ottenne il permesso di costruirlo dal Papa Nicolò V, con la bolla del 22 agosto 1449. Iniziarono i lavori e a nord del piccolo convento fu edificata anche la chiesa che il Santo volle dedicare alla Madonna delle Grazie. Intorno alla metà del 1500 sorse l'attuale chiesa, e a nord venne costruito un convento più grande del precedente. Nel 1712 è stata riedificata l'abside, prolungando la zona del coro ed è stata rifatta la torre campanaria. Tra il 1737 e il 1739 veniva riedificata la facciata della chiesa e sopraelevata la volta.
Il portale della chiesa, in pietra è datato 1546, pregevole anche il portone ligneo del sec. XV.
Appena entrati, sulla sinistra vediamo i resti di affresco di un anonimo artista del 1500 raffigurante S. Bernardino da Siena e S. Sebastiano.
Proseguendo troviamo un altare in legno di stile barocco che racchiude una pregevole tavola di Vincenzo Pagani da Monterubbiano (1525), rappresentante l'Incoronazione della Vergine con i santi: Antonio di Padova, Giovanni Battista, Francesco d'Assisi e Caterina d'Alessandria.
Qualche metro più avanti, troviamo un secondo altare in legno, pure barocco, con la tela attribuita a Durante Nobili di Caldarola (sec. XVI), che raffigura la Madonna in trono con i santi Francesco e Andrea Apostolo.
Sempre proseguendo in avanti possiamo vedere una tela del pittore Alessandro Ricci di Fermo (1803) raffigurante il sogno di San Giusepe.
Portandoci al centro della chiesa e osservando l'abside, possiamo ammirare tre pezzi artistici di grande valore: un bellissimo crocifisso ligneo del sec. XVI (attribuito a Cola dell'Amatrice) e al suo fianco la Madonna e San Giovanni evangelista, tavole sagomate e dipinte da Vincenzo Pagani intorno al 1540.
In basso c'è il coro ligneo del 1721 proveniente dall'ex chiesa degli osservanti di Fermo. Da ammirare anche l'artistico tabernacolo in legno intarsiato datato 13 settembre 1692, opera di due frati francescani: Giuseppe da Montalboddo e Francesco da Urbino.
Spostandoci sulla destra troviamo un'altra tela del pittore Vincenzo Civita (1803) raffigurante Santa Margherita da Cortona.
Le vetrate della Chiesa sono state eseguite dalla ditta Mellini di Firenze nel 1977, sono raffigurati: L'annunciazione, Madonna col Bambino che sconfigge il drago apocalittico, il cardinale Francesco della Rovere che dona l'immagine della Madonna a San Giacomo, la Pentecoste, i simboli di San Giacomo(Calice e libro dei Vangeli), lo stemma francescano, il monogramma del Nome di Gesù. Sopra la porta d'ingresso c'è la vetrata di fra Arturo Cicchi che rappresenta gli Apostoli Filippo e Giacomo.
L'organo elettrico a canne è del 1956 ed è opera della ditta Mascioni di Cuvio (Varese).

CAPPELLA DI SAN GIACOMO
Entriamo nella cappella di San Giacomo, appena superato il cancello di ferro, nel vano che precede la cappella notiamo quattro pitture di Mario Pesarini (1956) che ricordano la protezione che il santo ha concesso ai monteprandonesi durante la seconda guerra mondiale: Il popolo invoca protezione dalla Madonna e da San Giacomo per i propri mariti; i tedeschi rastrellano i giovani; la gioia delle mamme espose per la partenza dei tedeschi; la processione di ringraziamento per lo scampato pericolo.
Entrati nella cappella, sotto l'altare in travertino troviamo il corpo di san Giacomo. E' il suo corpo incorrotto, fino al 2001 al suo posto c'era un simulacro in cera e il corpo era conservato a Napoli dove il Santo è morto nel 1476. Sulla parete di fondo c'e l'arco in pietra del 1543, che faceva parte dell'altare esistente nell'antica cappella di San Giacomo. FOTO La cappella è decorata con tempere di fra Arturo Cicchi e Mario Pesarini (1954-56). Del primo sono gli angeli che reggono il cartiglio con le strofe dell'inno latino in onore del santo, le vetrate e gli otto medaglioni, alla base della piccola cupola che illustrano simbolicamente le virtù del santo; del secondo sono le scene che rappresentano i miracoli del santo, sulla fascia bassa che lambisce il pavimento.

CAPPELLA DELLA MADONNA DELLE GRAZIE
Conserva il quadretto della Vergine donato al santo dal Cardinale Francesco della Rovere nel 1468 o 1469.San Giacomo lo portò religiosamente da Roma e lo lasciò al convento del suo paese. L'immagine è una terracotta policroma (cm 40x32) ed è un prodotto dell'arte Toscana del sec, XV. Questa Madonna delle Grazie, famosa per i molti miracoli, fino al 1826 è stata sull'altare maggiore della chiesa, mentre questa cappella gli è stata costruita nel 1953. Sulla parete osserviamo le pitture a tempera di fra Arturo Cicchi (1956) che rappresentano: l'annuncio dell'Angelo a Maria, la visita di Maria a Santa Elisabetta, la nascita di Gesù, la presentazione al tempio, la fuga in Egitto, lo smarrimento di Gesù al tempio, le bibliche eroine Ester e Giuditta e i genitori di Maria: Gioacchino e Anna. Nella fascia superiore si notano la Madonna Immacolata e Isaia, Mosè, Geremia e Davide.



CONDIZIONI PER RICEVERE L’INDULGENZA PLENARIA DEL PERDONO DI ASSISI
(per sé o per i defunti)
Tale indulgenza è lucrabile, per sé o per le anime del Purgatorio, da tutti i fedeli quotidianamente, per una sola volta al giorno, per tutto l’anno in quel santo luogo e, per una volta sola, da mezzogiorno del 1° Agosto alla mezzanotte del giorno seguente, oppure, con il consenso dell’Ordinario del luogo, nella domenica precedente o successiva (a decorrere dal mezzogiorno del sabato sino alla mezzanotte della domenica), visitando una qualsiasi altra chiesa francescana o basilica minore o chiesa cattedrale o parrocchiale.
Le condizioni per acquistare il Perdono sono quelle prescritte per tutte le indulgenze plenarie e cioè:
Confessione sacramentale per essere in grazia di Dio (negli otto giorni precedenti o seguenti);
Partecipazione alla Messa e Comunione Eucaristica;
Visita alla chiesa della Porziuncola (o un’altra chiesa francescana o chiesa parrocchiale), per recitare alcune preghiere.
In particolare: Il CREDO, per riaffermare la propria identità cristiana;
Il PADRE NOSTRO, per riaffermare la propria dignità di figli di Dio, ricevuta nel Battesimo;
UNA PREGHIERA SECONDO LE INTENZIONI DEL PAPA (ad esempio Padre Nostro, Ave Maria, Gloria al Padre),
per riaffermare la propria appartenenza alla Chiesa, il cui fondamento e centro visibile di unità è il Romano Pontefice.

 


 

GALLERIA FOTOGRAFICA
MADONNA DELLE GRAZIE    terracotta policroma (cm 40x32)   
arte Toscana del sec, XV

IL SANTUARIO MADONNA DELLE GRAZIE E SAN GIACOMO DELLA MARCA

Vista interna della Chiesa  Santa Maria delle Grazie
                                                                    clicca sull'immagine per ingrandirla

clicca per l'ingrandimento

clicca per l'ingrandimento

clicca per l'ingrandimento

Portale della Chiesa Santa
delle Grazie

L'interno a navata unica

L'altare e il coro ligneo

clicca per l'ingrandimento

clicca per l'ingrandimento

clicca per l'ingrandimento

Affresco di un anonimo artista del 1500 raffigurante
S. Bernardino da Siena  S. Sebastiano.




Tavola di Vincenzo Pagani da Monterubbiano (1525)
Incoronazione
della Vergine
con i santi:
Antonio di Padova, Giovanni Battista, Francesco d'Assisi  Caterina d'Alessandria.

Tela attribuita a Durante Nobili di Caldarola (sec. XVI), che raffigura la Madonna in trono
con i santi Francesco
e Andrea Apostolo.



clicca per l'ingrandimento

clicca per l'ingrandimento

clicca per l'ingrandimento

Alessandro Ricci di Fermo (1803) raffigurante il sogno
di San Giusepe.




Crocifisso ligneo del sec. XVI (attribuito a Cola dell'Amatrice) e al suo fianco la Madonna e San Giovanni evangelista, tavole sagomate e dipinte da Vincenzo Pagani intorno al 1540. Tabernacolo in legno intarsiato datato 13 settembre 1692, opera di due frati francescani: Giuseppe da Montalboddo e Francesco da Urbino.


clicca per l'ingrandimento

clicca per l'ingrandimento

clicca per l'ingrandimento

Vincenzo Civita 1803
Santa  Margherita da Cortona

Cappella di San Giacomo

Cappella della Madonna delle Grazie
 
 

 
 
   
 

Ogni Sabato
dalle ore 16,00
alle 18,15

*
Adorazione eucaristica